Servizi

Valutazione funzionale podologica e biomeccanica

La valutazione funzionale è un elemento fondamentale nel processo diagnostico-terapeutico in Podologia: la valutazione funzionale podologica o diagnosi di funzione (che non va confusa con la diagnosi medico-specialistica) infatti è l’elemento cardine per la corretta comprensione del quadro clinico del paziente e per la scelta del protocollo terapeutico più adatto alla risoluzione del problema.

Esame baropodometrico in statica e dinamica

L’esame strumentale di baropodometria va a completare, quando necessario, la valutazione funzionale. Esso consente di rilevare e valutare le pressioni e le forze che il piede esercita sul terreno sia nella condizione statica, sia in condizioni di dinamica. Attraverso l’uso della baropodometria è possibile ottimizzare il percorso diagnostico-terapeutico del paziente.

Esame Stabilometrico

Attraverso l’esame di Stabilometria è possibile quantificare e qualificare le oscillazione posturali del soggetto in posizione eretta statica in ortostasi condizionata e non, per analizzare le strategie utilizzate nel mantenimento dell’equilibrio. L’esame viene eseguito chiedendo al paziente di mantenersi in posizione eretta per 30 o 51,2 secondi, a seconda del setting di invio, prima ad occhi aperti e successivamente ad occhi chiusi. L’analisi degli indicatori qualitativi e quantitativi può fornire indicazioni circa l’origine del disturbo del sistema tonico-posturale e conseguentemente, orientare l’operatore verso la migliore scelta terapeutica. L’esame stabilometrico è indicato anche come mezzo per monitorare nel tempo l’efficacia di un percorso terapeutico sul sistema tonico-posturale.

Cura delle patologie ungueali

– Onicocriptosi (unghia incarnita) – consiste nell’individuazione e successiva rimozione incruenta della porzione della lamina ungueale che determina il meccanismo lesionale.
– Onicogrifosi (ispessimento della lamina ungueale) Onicomicosi (infezione fungina dell’apparato ungueale) Onicodistrofia (alterazione del trofismo dell’unghia) – sono le patologie ungueali più diffuse: vengono trattate mediante fresatura meccanica delle porzioni di tessuto interessate dal quadro patologico.

Trattamento ipercheratosi (callosità)

Consiste nell’inquadramento eziopatologico del meccanismo che determina la lesione e nella successiva rimozione indolore mediante strumenti con lame monouso.

Trattamento Verruche plantari

Consiste nel curettage della neoformazione epidermica e applicazione di terapia topica. Rispetto al trattamento chirurgico, la terapia podologica richiede più tempo per arrivare a guarigione ma ha il vantaggio di essere meno dolorosa e di consentire al paziente di svolgere le normali attività quotidiane durante il ciclo terapeutico

Ortesi digitali in silicone

Dispositivi realizzati su calco diretto in silicone, destinati prevalentemente alle dita, hanno la funzione di correggere, proteggere e/o isolare una zona dolente. Indicate in casi di alluce valgo, alluce rigido, dita a martello, dita a griffe, ipercheratosi interdigitali, quinto dito addotto-varo.

Ortesi Plantari Funzionali (tipo Root/Kirby)

Dispositivi su misura che hanno la finalità di correggere il moto articolare quindi la funzione del piede e le forze che agiscono su di esso durante la deambulazione. Vengono realizzati a partire da calco in scarico con bende gessate. Trovano indicazione terapeutica nelle problematiche podologiche del bambino, dell’adulto e dello sportivo. Indicate in casi di tallodinia, fascite plantare, fasciosi plantare, entesite/spina calcaneare, sindrome del tibiale posteriore, metatarsalgia, sesamoidite, neuroma di Morton, piede piatto, sindromi pronatorie, piede cavo, sindromi supinatorie.

Ortesi Plantari Accomodative

Hanno la finalità di redistribuire il carico pressorio plantare quindi di ridurre gli ipercarichi. Vengono realizzati a partire da calco su schiuma fenolica, benda gessata in scarico oppure su impronta podografica bidimensionale, a seconda della scelta terapeutica. Trovano indicazione nelle problematiche dell’adulto, dell’anziano, nei pazienti con piede diabetico e piede reumatico. Indicate in casi di tallodinia, entesite/spina calcaneare, metatarsalgia, neuroma di Morton, piede cavo, sindromi supinatorie.

Ortesi Plantari Posturali (Propriocettivi)

Hanno la finalità di sviluppare un’azione attiva sulle catene muscolari attraverso elementi di stimolo che agiscono per via riflessa sull’equilibrio muscolare. La terapia ortesico plantare posturale si inserisce nel ventaglio terapeutico a disposizione del team multidisciplinare di operatori sanitari che trattano i disturbi posturali.

Ortonixia

Ha la finalità di correggere la morfologia della lamina ungueale impedendo alla stessa di determinare infiammazioni, irritazioni o ipercheratosi nel vallo periungueale. Trova indicazione terapeutica nei casi di unghie distrofiche “a pinza” o nella riabilitazione dell’unghia incarnita nella fase post-acuta.

Onicoplastica di rieducazione Ungueale

Trattamento mediante resina ungueale finalizzato a creare le condizioni favorevoli per la corretta crescita della lamina in rapporto ai tessuti periungueali. Indicata a seguito di ablazioni totali o parziali della lamina ungueale e nella riabilitazione post-acuta dell’unghia incarnita.